New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Mick Jagger: England Lost
Nel video, Luke Evans si aggira in un’Inghilterra né fast, né furious

Mickey dice la sua, pt. II, tra indignazione politica e citazioni “cult”. Tutto molto britannico, nel bene e nel male.

Nel marzo del 1968 Mick Jagger partecipò a una manifestazione contro la guerra nel Vietnam che si concluse con qualche scontro davanti all’ambasciata americana a Londra. Due mesi dopo, nel favoleggiato maggio, i Rolling Stones incisero una canzone contenente il riverbero fragoroso di quanto in quell’anno stava accadendo in Europa, in Usa, persino a Città del Messico durante le Olimpiadi, ma NON nella sonnacchiosa Londra – sempre pronta a cogliere il lato cool di quello che succede, ma mai realmente propensa a ribellarsi, “a uccidere il re”, come diceva quel brano, che poi è Street Fighting Man. Così, cinquant’anni dopo, cosa può fare un povero settantenne esterrefatto dal suo paese, se non incidere un’altra canzone rock?

Ed è una canzone strana, non è un pezzo trascinante (nessuno Stone da solo ne ha mai inciso uno), vuole essere ipnotico, ruvido, con un riverbero di insofferenza rispetto a quanto sta succedendo a Londra. Suona vagamente artefatto e sofisticato, lontanissimo dall’impeto di Street…, che pure conteneva più azzardi sonori di quello che sembrerebbe all’ascolto odierno: una batteria giocattolo per Charlie Watts, una chitarra che usciva da un registratore a cassette, un sitar per Brian Jones, uno shehnai indiano per Dave Mason dei Traffic.

↦ Leggi anche:
Traccia: Mick Jagger & Dave Grohl: Eazy Sleazy
Traccia: Mick Jagger: Gotta Get A Grip

Il testo («Sono andato a vedere l’Inghilterra, ma ha perso. Tutti hanno detto che siamo stati derubati, tutti gridavano e si lamentavano. Non una gran partita, comunque») è uno dei più interessanti e sottili del Jagger “politico”: non ha l’indignazione vibrante di Undercover Of The Night, ma nemmeno la generosa goffaggine di Sweet Neo Con; volendo, ricorda il sarcasmo sornione di Fingerprint File, incisa quando le autorità americane marcavano stretto le rockstar, facendole anche spiare.

Ma ancora più ambizioso è il video. Niente che farà venir voglia di visioni ripetute su YouTube, però è un “corto” che omaggia visibilmente due classici britannici, la serie Il Prigioniero e il film The Wicker Man, con il loro clima di angoscia e paranoia. Jagger pare volerci dire che quella “cool Britannia” abilmente venduta dall’ufficio marketing di Tony Blair, e tuttora in auge, continua a nascondere l’apatia di un popolo molto conformista – che d’altronde è una fortuna per gli anticonformisti di professione, finché non si ritrovano in esilio sulla strada principale.

È una canzone memorabile? Certamente no. Casomai è un intervento da autorevole opinionista. E come tale forse verrà più condiviso che ascoltato. A suo modo, un concetto molto contemporaneo: del resto Jagger, anche se musicalmente è fuori sincrono da anni, è sempre attento a come far rotolare la sua pietra – per evitare di fare muschio.

Mick Jagger 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!