Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Leprous: From The Flame
Siamo noi gli untori!
↤ Tracce

I Leprous disarcionano il concetto di “metal” ancora una volta, spingendolo verso altri orizzonti.

Leprous
From The Flame

Nei loro sedici anni di attività, i Leprous sono stati definiti in tanti modi diversi (progressive metal, post-rock, rock sperimentale, art rock ecc.), tanto da confermare la loro fama di “lebbrosi del metal”, sfuggendo ogni volta ad ogni categorizzazione.

From The Flame ribadisce il concetto, portando le melodie dolenti ed enfatiche a rincorrersi in un crescendo di tensione. È come se i Muse si fossero all’improvviso trasferiti in Norvegia, per prendere lezione dagli Ulver e dagli Ark.

↦ Leggi anche:
Leprous: Below

Non che Einar Solberg e soci abbiano bisogno di padrini: qui dimostrano di saper manipolare magistralmente la densità della penombra, rendendo il melodramma orecchiabile quanto basta per piacere ad ammiratori di varia estrazione. Tra questi ultimi, forse, ci sono pure gli hipster che fino a poco fa stravedevano per i Röyksopp e che ora, se non vedono la parola “post” stampata sul biglietto da visita di un gruppo metal, manco ne ascoltano la musica.

Insomma: se con i Leprous ci si deve proprio infettare, almeno che la malattia non sia troppo virulenta e lasci sulla pelle delle cicatrici che facciano anche un po’ tendenza…

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.