New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Archie And The Bunkers: You're My Pacemaker
Less is more

Archie And The Bunkers
You're My Pacemaker

Fanno a meno delle chitarre e, tuttavia, i due fratelli dell’Ohio sono il miglior gruppo rock’n’roll di questa settimana.

Provengono da Cleveland, Ohio: lo stato americano che sta a un certo tipo di rock come il trevigiano sta al prosecco. Sono due fratelli – veri, pare, mica come gli White Stripes prima di essere sgamati – e hanno fondato il gruppo nel 2013.

Definiscono il proprio suono “Hi Fi Organ Punk” o, meglio, «rock and roll ridotto alla sua essenza più cruda» (andando a toccare anche l’acid jazz e il boogaloo). Hanno appena fatto faville sul palco del Festival Beat di Salsomaggiore, stando alla testimonianza di molti appassionati.

Se questo curriculum vitae di Archie And The Bunkers vi stuzzica, non esitate oltre: a un solo “click” di distanza c’è una canzone magnifica che, in barba alle chitarre, spazza via qualsiasi discussione sull’attualità di questo genere musicale.

(probabilmente è solo una casualità o uno scherzo del nostro cervello stanco, ma qui Emmett – batteria e voce – e Cullen O’Connor – organo e voce – evocano anche la splendida 18 Wheels dei Murder City Devils)

Archie And The Bunkers 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!