New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Horrors: Machine
Origin of symmetry

Non più giovani, ma non ancora abbastanza vecchi per passare per “classic”. Dura la vita degli Horrors.

«Il gruppo ha annunciate il titolo [dell’album di debutto] attraverso un bollettino MySpace, l’11 gennaio 2007» (cit. Wikipedia). Una notizia che sembra provenire da lontanissimo, un’era oscura e confusa in cui gli uomini utilizzavano cellulari a conchiglia, ma che risale “solamente” a dieci anni fa.

Così il nome degli Horrors va aggiunto alle vittime di una specie di paradosso temporale: appena l’altro ieri erano giovani, belli e promettenti, oggi appaiono quasi come dei veterani fin troppo navigati. Ma mica è colpa loro, se nel frattempo Steve Jobs, Mark Zuckerberg & Co. hanno rapidamente seppellito il passato prossimo e si sono messi il mondo in tasca – con la nostra beota compiacenza.

↦ Leggi anche:
Traccia: The Horrors: Lout

Cosa ha combinato il quintetto inglese in un decennio (che rimane comunque l’arco temporale nel quale i Beatles hanno cambiato il pianeta)? Buoni dischi e bei concerti, in estrema sintesi, graziati da un discreto consenso popolare.

Il nuovo singolo ribadisce che la band possiede sempre talento, energia e lucidità: troppo tardi per diventare delle rockstar, ma sarebbe stato meglio se l’ultimo dei Jesus and Mary Chain l’avessero composto loro.

The Horrors 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!