New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

...Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The Charlatans: Plastic Machinery
The wind of change

The Charlatans
Plastic Machinery

I Charlatans potevano vivere di rendita. E invece han deciso di vivere. Viva Love.

Quando hai capitanato un intero movimento giovanile trent’anni fa, e ancora sforni dischi belli nel 2017, già sei un’eccezione. Se poi lo fai scrostando e ripulendo la tua cifra stilistica, facendo l’”upgrade” senza far seccare le tue radici, allora sei nella categoria dei miracoli.

I prodigi dei Charlatans assumono dimensioni ancor più grandi se si pensa alle catastrofi interne che han dovuto affrontare, tra lutti vari e fedine penali un po’ spesse.

Sarebbe stato facile smettere tutto, a un certo punto: campare di diritti d’autore e gran piazzamenti nella classifica inglese, e crogiolarsi nella luce riflessa di Madchester. Invece no: i ragazzi di Tim Burgess buttano fuori album con una certa regolarità dacché sono nati; lavori senza i quali, si sa, il Britpop avrebbe avuto molti meno appigli.

Different Days è il numero tredici, con una parata di eccellenti colleghi “Mancunian”: i batteristi Pete Salisbury e Stephen Morris, già con loro nell’ottimo Modern Nature di due anni fa, il macigno Johnny Marr e il semprefico Paul Weller.

Un disco non senza peccati: certi brani sono un po’ autocompiacenti e ripetitivi. Quell’autoindulgenza che se ne frega. Ma, fra gli altri, il primo singolo – Plastic Machinery – è un pezzo dei New Ord… ehm, è un pezzo che non ha tempo. E un motivo in più per continuare a parlare di Manchester. Con l’accento sulla prima “e”.

The Charlatans 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 9 persone!