Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Rolling Blackouts Coastal Fever: Sick Bug
Non ci chiamate per nome, che si fa tardi
↤ Tracce

Rolling Blackouts ecc.: dall’Australia, canzoni leggere per amori perduti.

Rolling Blackouts Coastal Fever
Sick Bug

“Scegli cinque accordi, ma non usarli tutti in una canzone. Usane al massimo tre”. La storica etichetta Sub Pop aveva questa regola aurea, per le sue band, ai tempi che furono. Ora, la presenza nella sua scuderia dei Rolling Blackouts Coastal Fever crea una sorta di continuità, in questa ricerca della… sintesi (di cui non c’è traccia nel nome, però).

Australiani, i RBCF sono un gruppo a conduzione famigliare: due cugini, due fratelli e un amico batterista. Sembrano spuntati fuori dal nulla e, in effetti, lo sono. Prima le jam nella stanzetta, poi i locali di Melbourne e, infine, due EP. Tante chitarrine, velocine, mielosine, intrecciatine, un rapporto non monogamo con gli strumenti (tutti tranne il batterista si alternano a chitarre, basso, tastiere E voce) e un’estetica già ben definita, anche nei videoclip.

Sick Bug è tratto dal secondo EP French Press. Soprattutto, Sick Bug è quel virus che si impossessa del cuore, e riporta alla mente amori perduti, mandando in “crash” i ritornelli con un ossessivo mantra: «I want you I want you I want you».

Una band che ha molte assonanze – e non sarà un caso – con i Real Estate. Per la precisione: “i Real Estate dopo un pacco da sei di bevande energetiche”, senz’altro la definizione più calzante. Oppure “I Blue Öyster Cult posseduti dai Go Betweens”. Ma qui si va nel campo del raffronto, e noi non lo vogliamo.

Vogliamo solo i RBCF, con i loro amorazzi andati a male.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.