New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Radiohead: I Promise
Thom mostra i muscoli

Tutto ciò che avreste ancora da chiedere da ‘Ok Computer’ (ma che non avete mai osato chiedere).

È piuttosto noto anche fuori dalle sette dei cinefili che il film Blade Runner, alla sua uscita, fu salutato come un capolavoro malgrado un finale edificante imposto dalla produzione, che il regista Ridley Scott subì malvolentieri e del quale si liberò in occasione del successivo “director’s cut”, col quale restituiva alla sua opera il coefficiente di cupezza che desiderava.

I Promise è l’esatto contrario: è una canzone d’amore e di speranza che, se fosse stata inclusa in Ok Computer, l’album di maggiore successo dei Radiohead, ne avrebbe alleviato il senso di elegia distopica che riempì di sgomento gli ascoltatori dell’epoca.

↦ Leggi anche:
Traccia: Burial (feat. Four Tet & Thom Yorke): Her Revolution / His Rope
Storia: Kid A e l'insostenibile pesantezza dell'essere i Radiohead
Traccia: Peter Frampton Band: Reckoner
Traccia: Philip Selway: Check for Signs of Life
Traccia: R.E.M. & Thom Yorke: E-Bow the Letter
Traccia: Radiohead: Burn The Witch
Traccia: Radiohead: If You Say the Word
Traccia: The Backseat Lovers: Growing / Dying
Traccia: The Smile: You Will Never Work in Television Again
Traccia: Thom Yorke (feat. Radiohead): Creep (Very 2021 RMX)

Probabilmente un brano così lineare – sia nella musica che nelle parole, con quella reiterazione alla fine di ogni strofa che fa un po’ E Penso A Te di Battisti (ma anche un po’ Lo Prendi Papà di Gianni Morandi) – avrebbe finito per rendere più lieve tutto il disco, e forse il suo crescendo epico si sarebbe persino imposto come hit per matrimoni “alternative”. Il gruppo decise pertanto di tagliarlo e solo i fan di più stretta osservanza lo hanno potuto apprezzare grazie alle sporadiche apparizioni dal vivo.

La sua pubblicazione come – per così dire – singolo in occasione delle celebrazioni del ventennale della ben nota pietra miliare ottiene così due risultati: dimostra che i Radiohead non sono del tutto privi delle arti che servono per cucinare una canzone romantica facilmente commestibile, e nel contempo testimonia la loro risolutezza nel fare di quel disco un abisso nel quale guardare senza appigli né promesse.

Radiohead 

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 3 persone!