Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Higher Power: Can't Relate
Street credibility
↤ Tracce

La parola d’ordine è “mosh”. Se non sapete che cosa significa, occhio: i cinque di Leeds colpiscono duro e fanno male.

Mesi fa parlammo bene degli americani Turnstile; questa è, a prima vista, la più convincente risposta inglese al gruppo di Baltimora.

In altre parole: puro revival seconda metà anni ‘80/primi anni ’90 eseguito da gente che all’epoca non era ancora nata.

Ci riferiamo a quel suono – in genere prettamente a stelle e strisce – che nasce dall’hardcore per poi incrociarsi col metal: “bastardo”, in tutti i sensi, come fu a suo tempo quello di Cro-Mags, Leeway, Helmet, Quicksand e Life Of Agony, fra gli altri.

“For the moshers, by the moshers”: gli Higher Power picchiano duro (come raccontano gli astanti del recente Venezia Hardcore Fest), ma sono anche davvero abili a giocare in lungo e largo con la melodia – favoriti dall’ugola di Jimmy Wizard, sorta di Perry Farrell meno “fatto” e più incazzato.

Da Leeds con furore, e pure con cervello: muri di chitarre, gocce di sudore & stille di talento.

Higher Power