New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Higher Power: Can't Relate
Street credibility

La parola d’ordine è “mosh”. Se non sapete che cosa significa, occhio: i cinque di Leeds colpiscono duro e fanno male.

Mesi fa parlammo bene degli americani Turnstile; questa è, a prima vista, la più convincente risposta inglese al gruppo di Baltimora.

In altre parole: puro revival seconda metà anni ‘80/primi anni ’90 eseguito da gente che all’epoca non era ancora nata.

Ci riferiamo a quel suono – in genere prettamente a stelle e strisce – che nasce dall’hardcore per poi incrociarsi col metal: “bastardo”, in tutti i sensi, come fu a suo tempo quello di Cro-Mags, Leeway, Helmet, Quicksand e Life Of Agony, fra gli altri.

“For the moshers, by the moshers”: gli Higher Power picchiano duro (come raccontano gli astanti del recente Venezia Hardcore Fest), ma sono anche davvero abili a giocare in lungo e largo con la melodia – favoriti dall’ugola di Jimmy Wizard, sorta di Perry Farrell meno “fatto” e più incazzato.

Da Leeds con furore, e pure con cervello: muri di chitarre, gocce di sudore & stille di talento.

Higher Power 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!