New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Death From Above: Freeze Me
Versione juventina

Quanto ci faranno aspettare i Death From Above per il nuovo album? Si accettano scommesse, ascoltando compiaciuti il loro nuovo singolo.

2004: nel mio lettore CD portatile – a quei tempi un accrocco da portare al collo, manco fossi stato Flavor Flav… – entrano per la prima volta i Death From Above 1979 e, da quel momento, qualcosa cambia radicalmente. «Fammi capire: questi sono solo in due e fanno TUTTO ‘STO CASINO?», chiedeva attonito il mio vicino di casa. «Ma soprattutto, quello è un basso o una chitarra?».

Era un basso: suonato come una chitarra e ultra-filtrato, certo, ma pur sempre quattro corde rimanevano. Quella manciata di canzoni, suonate come se avessero il diavolo ai garretti, bastarono per fare entrare Jesse F. Keeler e Sebastien Grainger nel mio cuore di ex teenager di provincia.

Avanzamento rapido al 2017 e arriviamo a Freeze Me, nuovo capitolo del duo di Toronto. Prima cosa che salta all’orecchio: Grainger suona e, soprattutto, canta molto bene.

C’è più pop, più melodia; gli anni passano per tutti e i DFA pare che abbiano messo la testa a posto. Il “tiro” è sempre quello, ma la produzione – e tutto ciò che c’è dietro – ha fatto fare un balzo importante ai canadesi. Meno punk ma non meno affamati: ecco.

Pensate: hanno addirittura fatto pace con James Murphy, chiarendo finalmente dopo quasi tre lustri la faccenda legata all’omonimia tra loro e l’etichetta del signor LCD Soundsystem (la DFA, appunto). Perdendo ufficialmente il suffisso “1979”, tuttavia.

I due dicono che stanno lavorando al disco nuovo – l’ultimo, che sancì il ritorno, è del 2014 – e che non faranno passare altri dieci anni per renderlo disponibile. Speriamo bene.

Death From Above 

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!