Dälek: Echoes Of...
Tipini a modo
 
← Music discovery

Mischiano shoegaze e industrial e sono tra i pionieri dell'alternative hip hop. Gente che dà ancora un senso compiuto al termine "underground".

Dälek
Echoes Of...

Andrea Murgia
Andrea Murgia

Partiamo da un semplice e inequivocabile assunto: i Dälek – si legge “die-a-leck”; faccio il figo, ma l’ho appena scoperto su Wikipedia… – sono dei pazzi. E quale etichetta può pubblicare materiale così incendiario e pericoloso? La Ipecac Recordings di Mike Patton e Greg Werckman, naturalmente.

Dimenticate le produzioni iper-patinate della costa ovest degli Stati Uniti; i Dälek sono fieramente del New Jersey e in Echoes Of… si sente, eccome: rime caustiche incastrate su chitarre shoegaze e su batterie quasi industrial, colonna sonora ideale del disagio suburbano (o di una puntata de I Soprano).

Attivi dal 1998 e pionieri insieme ai Cannibal Ox dell’alternative hip hop (senza di loro forse non esisterebbero né clipping., né Shabazz Palaces, oggi), i Dälek sono già dei monumenti underground da venerare con ossequio – ma soprattutto hanno ancora qualcosa di importante da dire.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy