Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Sylvan Esso: Die Young
Vestirsi male, volersi bene
↤ Tracce

Sylvan Esso: l’elettropop che scende giù dai monti, sdoganato da Jimmy Fallon. Non paragonateli a nessuno: loro sono allegri.

Sylvan Esso
Die Young

Lo so, cosa state pensando: ecco un’altra coppietta sotto il grande tetto dell’elettronica. Lui a dispensar basi ed effettini accartocciati, come posseduto da un videogioco, e lei a ricamarci sopra, con la vocina fragile e spezzata. Altra gente in coda col numerino, al banco di chi emula meglio The XX.

Grande errore: i Sylvan Esso sono qualcosa di inedito. Sono un team che produce “delicatessen” elettrofolk senza tristezza. Sono Heidi in acido.

Il merito è equamente suddiviso: lei, Amelia Meath, prima di farsi distorcere, filtrare, effettare la voce da lui, cantava in una folk band acapella tutta al femminile del Vermont, ed è stata spesso in tour con Feist. Lui, Nick Sanborn, ex membro dei Megafun, band molto vicina a Justin Vernon (cucù!), fa quel che fanno tutti i manipolatori del suono: tortura sintetizzatori – alcuni dei quali, non lo escludiamo, comprati di terza mano su eBay, così, per giocare un po’ (come fanno i Depeche Mode).

Il singolo Die Young, il nuovo da What Now, racconta una storia singolare: quella di un tizio che aveva pianificato per bene il suo suicidio, salvo poi cambiare idea, per coltivare l’orticello della sua nuova relazione. I testi, ovviamente, li scrive lei.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.