Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Mogwai: Coolverine
L'estate s'avvicina
↤ Tracce

Il post-rock incontra musica per astronavi: il nuovo album dei Mogwai vi torturerà dolcemente. Come sempre.

Mogwai
Coolverine

È noto: quando ci sono i Mogwai di mezzo, non si ride. Ma far ridere non è la loro missione primaria.

La band che Stephen Malkmus dei Pavement definì “la migliore del ventunesimo secolo” è specializzata in altre cose; tipo farti esplodere le coronarie con le sue magnificenti alternanze di quiete e caos; frullarti le viscere grattando quelle chitarre benedette, fino ad assottigliarle.

↦ Leggi anche:
Mogwai: Dry Fantasy
Zitti zitti, i Mogwai sono i numeri uno
Good morning, Spiderland!

La verità è che un gruppo, per giunta scozzese, che s’inventa come titolo I’m Jim Morrison, I’m Deadnon può essere totalmente privo di senso dell’umorismo.

Diversi anni fa, i Mogwai hanno sposato synth e tastiere; un matrimonio che funziona ancora bene, sigillato dall’encomiabile lavoro fatto per la colonna sonora di Atomic (documentario sulle conseguenze della bomba di Hiroshima, prodotto dalla BBC).

A settembre uscirà il nuovo album, Every Country’s Sun, su Rock Action Records, la loro etichetta. Il singolo che lo anticipa, Coolverine, è una lenta transizione dall’oscurità all’entusiasmo.

La chitarra è sottile, fa da figurante, lasciando spazio a un crescendo di rumoristica elettronica e al basso tuonante di Dominic Aitchison. E poi arriva una botta epica, che ti solleva da terra, per poi riportarti, giù, lentamente, dove ti aveva incontrato.

Per un attimo, sembrava il pezzo che non ha passato la selezione per Disintegration dei Cure. E invece…

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.