Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Feist: Century
Feist dà una festa
↤ Tracce

Leslie Feist si lascia alle spalle una certa leggerezza del passato e, con l’aiuto di Jarvis Cocker, non teme di affrontare la propria oscurità.

Feist
Century

I guru ci insegnano che, in questo decennio, il segreto è esserci sempre, essere dappertutto, essere in contatto continuo col pubblico, regalare epifanie a getto continuo: almeno un quinto, forse addirittura un quarto verranno giocoforza acclamate come miracolose.

Leslie Feist ha deciso che in questo decennio non aveva granché voglia di manifestarsi: un ventenne del 2017, per quanto dedito a tutto ciò che è alternativo, potrebbe legittimissimamente non averla mai sentita nominare.

Il primo assaggio del suo ritorno da Metals (2011) è stato un brano intitolato come l’incipiente album, Pleasure: così obliquo e penombroso da suggerire un’esperienza piuttosto antitetica a quella del titolo. Per questo secondo singolo, l’artista canadese sfoggia invece una collaborazione con Jarvis Cocker (ex Pulp – sia detto sempre per il ventenne di cui sopra): sei minuti che, anche a livello puramente fonico, paiono presi di peso da un documentario sul post-punk di fine anni ‘70.

A dire la verità il brano, a 3:40, si divide in due, con Cocker che si prende l’ultima parte della canzone per un parlato in cui medita sul fatto che i secondi a volte durano tanto, e certe notti a volte durano tantissimo, e in effetti anche il suo parlato dura non poco per esprimere tanto concetto – aggiungendo più che altro un ulteriore senso di “gravitas” all’enigmatico testo di Feist sui sentimenti che cercava, prima di scoprire che ostacolassero il suo cammino.

Beh, avrete capito che quella leggerezza che pervadeva 1234 è un po’ tanto alle spalle; lo stesso ci azzardiamo di prevedere per i sessanta milioni di ascolti su Spotify che quella vecchia hit di Feist totalizza ancor oggi. Ma chissà, forse anche le hit e la popolarità dopo un po’ diventano ostacoli sul cammino.

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Venus  Rock  May 2017  
Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.

Sei già abbonato? Accedi!

.