Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
Wire: Brio
Men in black
↤ Tracce

Dopo il periodo punk, quello progressive, quello techno, quello darkwave, il divorzio e la reunion…

Non esattamente una “new sensation”, i Wire: in giro dal 1976, passato il periodo punk, quello progressive, quello techno, quello darkwave, superato il divorzio e già approdati alla reunion, pubblicano ora il loro quindicesimo studio-album.

Eludendo il singolo Short Elevated Period, un power pop di tutto rispetto (alla maniera dei Wire, quindi comunque spigoloso), ci concentriamo su quella piccola gemma che è Brio. Traccia semiacustica, notturna, vagamente psichedelica. E bellissima, piacevolmente indecisa tra Porcupine Tree e Pink Floyd (non a caso la band di Colin Newman ebbe per un certo periodo il nomignolo di Punk Floyd).

↦ Leggi anche:
Wire: giovani veterani senza il minimo acciacco
Wire: Cactused

Cercate di ascoltare anche il resto del disco, però: merita e, nel caso, occhio alla tiratura limitata del CD, con libretto di ottanta pagine curato dallo scrittore e attore Graham Duff.

Wire Colin Newman