Rag'n'Bone Man: Die Easy
E chi m'ammazza a me?!
 
← Music discovery

Pelle bianca ricoperta di tatuaggi, ma cuore nero da vero bluesman: Rory Graham non è solamente un interprete "umano", ma anche un cantautore ispirato e versatile.

Rag'n'Bone Man
Die Easy

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Stazza da cantante soul e vocione da bluesman navigato, Rory Graham è un peso massimo anche nello scalare le classifiche europee. Il suo Human è diventato un tormentone che l’ha portato persino a Sanremo, lui che di nazionale-popolare ha le origini nell’East Sussex e la gavetta nel pub sotto casa.

Con quel fisico alla Barry White e quella faccia da ragazzone “a posto” (ma che è meglio non far arrabbiare), Rory ha iniziato con il drum and bass e l’hip hop, anche se la sua vera passione è John Lee Hooker. E per dimostrare che il suo cuore è nero – anche se la sua tatuatissima pelle non lo è – ora sfodera questo struggente spiritual dove la voce, nuda ed essenziale, possiede l’intensità dell’implorazione e il bisogno d’abbandono della preghiera.

Straccivendolo, sì, ma dal cuore generoso e l’ugola portentosa.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy