Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Mutoid Man: Melt Your Mind
Metallari, brava gente
↤ Tracce

Brillante lezione di heavy metal tradizionale nel 2017, con la benedizione di Marty Friedman: come diceva il dottor Frederick Frankenstein, «Si - può - fare!».

Mutoid Man
Melt Your Mind

Lo chiamano supergruppo. Ok, i Traveling Wilburys erano composti da gente un po’ più famosa, ma i Mutoid Man sono una chicca per i frequentatori di un certo underground rumoroso degli ultimi vent’anni. Formato da Steve Brodsky dei Cave In (tempo fa una major provò vanamente a far di loro i nuovi Foo Fighters), Ben Koller dei Converge e degli All Pigs Must Die e Nick Cageao, il trio pubblicherà a giugno il nuovo album War Moans.

In genere collocati da qualche parte fra hardcore evoluto anni ’90 e rock “fuori di testa” (?!), stavolta gli americani sono alle prese con una colata di metallo incandescente della vecchia scuola. Non a caso si fanno aiutare dal virtuoso Marty Friedman, ex chitarrista dei più fortunati Megadeth.

Il risultato finale rasenta la perfezione e vien da chiedersi: è davvero così difficile fare dell’heavy metal come dio comanda, oggi? No? Allora come mai band pur famose come i Five Finger Death Punch possono solamente sognare riff e melodie così intriganti? E quanto pagheremmo affinché gli Iron Maiden – ebbene sì – se ne uscissero ancora con pezzi così veloci e trascinanti, al posto delle ormai consuete nenie dai cinque minuti in su?

Angelo Mora
Angelo Mora

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.