Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Future Islands: Cave
Herring non riesce a mettersi in posa nemmeno a 'sto giro. Dietro, l'imbarazzo della band
↤ Tracce

Il ballerino più improbabile del synth-pop è tornato

Future Islands
Cave

I Future Islands sono in giro da un bel po’, ma è innegabile che il loro sdoganamento presso il grande pubblico sia arrivato solo dopo l’esibizione al David Letterman Show, dove Samuel T. Herring – fisico a metà strada tra il commesso di un Blockbuster e Glenn Danzig – ha dominato letteralmente la scena, ipnotizzando platea in studio e migliaia di utenti con il suo mix di balletti e “growl”.

Tre anni esatti dopo quell’exploit, la band di Baltimora torna con Cave e sembra che non sia passato nemmeno un secondo dalla pubblicazione di Singles. Un bene? Dalla qualità del brano si direbbe proprio di sì: basso pulsante, voce sinuosa, batteria “krautica” e le solite tastiere-marchio di fabbrica.

↦ Leggi anche:
Future Islands: For Sure

«Questa canzone parla di un disperato bisogno di “mollare” i propri ideali e le proprie opinioni», ha annunciato Herring dal palco del SXSW di Austin, prima di suonarla per la prima volta. Noi, anche un po’ intimoriti dalla sua mole, ci vogliamo fidare, facendoci contagiare dal suo movimento pelvico così sgraziato ma stramaledettamente sinuoso.

Sei diventato un sex symbol, nonostante calvizie e pancetta: caro Samuel, grazie.

Andrea Murgia
Andrea Murgia

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.