Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tunonna: A Caccia Di Peroni
Sicks sicks sicks, the number of the beast
↤ Tracce

Tra malinconia e sarcasmo, Tunonna canta l’inno generazionale di una generazione che, forse, nemmeno esiste più: voce, chitarra acustica e bottiglia di birra da 66 cl.

Tunonna
A Caccia Di Peroni

Tunonna, alias Silvia Sicks, è un nome già noto da anni ai frequentatori dell’underground hardcore-punk e metal di Roma e dintorni. Ora è arrivato il debutto ufficiale per la ÙA Records, etichetta che a ogni uscita abbina l’opera di un fumettista/illustratore: nel caso di Buono troviamo il noto Zerocalcare, ma anche la stessa Sicks è una talentuosa illustratrice.

Voce e chitarra acustica scarne ma graffianti, Tunonna racconta una serie di storielle quotidiane – a volte spensierate, spesso agrodolci, quasi sempre spiritose e surreali – chiaramente ambientate nella Capitale, ma in cui è facile e bello ritrovarsi a prescindere dalla geografia.

Sarebbe opportuno il termine “cantautorato moderno”, se non evocasse l’immagine di tanti, troppi sfigati di successo della canzone popolare italiana; diciamo che qui ci si prende molto meno sul serio, senza però rinunciare alla qualità compositiva.

Ricco di malinconia, umorismo e citazioni colte (Nara Stabocchi!), A Caccia Di Peroni è un buffo e grazioso inno generazionale per una generazione che, forse, nemmeno esiste più. Ma che non rinuncia a una melodia vincente, un sorriso cinico e una bottiglia da 66 del “bangla”.

Angelo Mora
Angelo Mora

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.