Body Count: No Lives Matter
Ne ferisce più la spada che la penna
 
← Music discovery

Il vecchio Ice T sente profumo di scontro frontale in America e mobilita i Body Count per agitare ulteriormente le acque.

Body Count
No Lives Matter

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Il vecchio Ice T sente profumo di scontro frontale in America e come nel 1992, quando con George Bush (senior) presidente pubblicò Cop Killer, mobilita i Body Count per agitare le acque. “Black Lives Matter”, dicono i leader della protesta contro le violenze dello stato contro i neri. “All Lives Matter”, rilanciano altri: annacquando il messaggio, secondo il rapper. Che taglia corto: No Lives Matter.

In un appello all’unità popolare e multirazziale contro il potere, Mr. Marrow spiega: «In the eyes of the law, black skin has always stood for poor / When it comes to the poor, no lives matter». Il metallone anni ‘90 in sottofondo non è molto cambiato rispetto agli anni d’oro della band, ma quello che risulta strano, spiazzante, affascinante ed emblematico insieme è che il brano sia così spezzettato da parlati che non sono rap, ma quasi “spoken word”, un po’ come se il rap (… che è il rap. Ricordate? La CNN del ghetto) non fosse più sufficiente a veicolare la comunicazione politica.

Chissà se vale per tutto il genere o solo per questo sessantenne che lo fa da sempre.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy