Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Los Campesinos!: The Fall Of Home
Sobrissimi, come sempre
↤ Tracce

Con ‘The Fall Of Home’, i Los Campesinos! raccontano il decadimento della provincia inglese nell’era della Brexit, con una piccola e agrodolce gemma acustica.

Los Campesinos!
The Fall Of Home

The Fall Of Home è il terzo estratto da Sick Scenes, il nuovo album dei gallesi. La loro parabola artistica è stata piuttosto particolare: agli inizi vennero inseriti nel grande calderone indie pop danzereccio, forti di una hit come You! Me! Dancing! (a oggi un grande classico di certi DJ set nostalgici).

Impauriti dal restare intrappolati in quella nicchia, i Campesinos decisero di svoltare, rivelando la la propria vera identità — quella di ragazzi profondamente incerti ed emotivi, di base — e componendo una serie di album viscerali che rovesciavano gli stilemi twee (cui erano stati affiancati con cascate di rumore e testi-cascata che parlavano di passione, depressione e calcio con una devastante, ma al contempo vibrante, amarezza latente).

Questo nuovo pezzo li vede tornare quasi alle loro origini, con una costruzione acustica che grida Belle And Sebastian, il cui testo è però una triste constatazione del disagio provinciale che aleggia nel Regno Unito post-Brexit: il ritorno a una città natale decadente e lontana anni luce dall’utopia della metropoli progressista.

Elia Alovisi
Elia Alovisi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.