Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
In una preziosa immagine d'archivio, Gigliolana Cinquetty esegue 'Non Ho L'Età'

Lana Del Rey

Love

Nel suo disperato anelito di diventare l’incontrastata icona regina del gattamortismo supremo, Lanona si è fatta impiantare da un chirurgo qualche annata di Vogue. Il vero scopo? Capire perché non la chiamano mai per le colonne sonore delle cinquanta sfumature – che in fondo è lo scopo della sua vita.

Quando ne è uscita, ha preso per il collo il suo autore preferito, Rick Nowels (Heaven Is a Place On Earth per Belinda Carlisle, Here With Me per Dido, The Game Of Love per Carlos Santana, The Power Of Goodbye per Madonna, I Follow Rivers per Lykke Li, Young And Beautiful per Lana stessa), e il produttore Benny Blanco (Diamonds di Rihanna, Tik Tok di Kesha, Teenage Dream di Katy Perry, Castle On The Hill di Ed Sheeran), i quali l’hanno rassicurata su una grande verità: un ingrediente base del gattamortismo è rallentare in modo esasperante qualunque cosa, per risultare inappuntabilmente “torch”. Poi, ghignando di nascosto come facevano i ragazzini tanti anni fa rallentando i 45 giri alla velocità dei 33 per sentire le vocione, hanno rallentato All About That Bass di Meghan Trainor e gliel’hanno consegnata.

Invece di "I see the magazines, working that photoshop / we know that shit ain't real, come on now make it stop”, lei Laneggia “Look at you kids, you know you're the coolest / the world is yours and you can't refuse it”. E in fondo, anche per Lana, “No treble, no treble” è una regola di vita: meglio non provare con gli acuti perché, oltre che renderla "uncool", non li piglia proprio.

Curiosità finale: dopo che Lana si era autodefinita “young and beautiful”, il titolo di questa doveva essere Young And In Love. Piace pensare che qualcuno, in vista del trentaduesimo compleanno, le abbia suggerito che, su 'sta faccenda dell'essere giovane, rischiava di risultare un filino ossessiva.

HVSR per posta: