Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Bob Dylan: I Could Have Told You
La sindrome di Stoccolma
↤ Tracce

Arduo non rimanere ammirati dall’emozionante semplicità con cui Bob Dylan si cimenta (ancora) con The Voice…

Bob Dylan
I Could Have Told You

… incredibile.

Mettiamola così: chi scrive non appartiene al partito di coloro per i quali Dylan è il quarto dei profeti maggiori, venuto ad aggiungersi ai tre previsti dal Tanakh: Isaia, Geremia ed Ezechiele. Però è arduo non rimanere ammirati dall’emozionante semplicità con cui lo svociato per eccellenza si cimenta (ancora) con The Voice. Il brano farà parte di Triplicate, un album triplo di cover venerande, ed è inevitabile sottolineare la birichineria con la quale (… ancora), nel momento storico in cui il mondo dibatte su di lui come poeta, lui fa quello che si suppone non sia: l’interprete. Che poi, di cover Dylan ne ha sempre fatte, ma qui si misura con la melodia di un autore che ha sempre scritto per i più grandi crooner: Jimmy Van Heusen, quattro premi Oscar, la firma su standard come Only The Lonely, Come Fly With Me, September Of My Years, Like Someone In Love (che qualcuno conoscerà nella versione di Bjork). In questa laconica (e un po’ cocciantesca) descrizione di una “maneater”, Bryan Ferry avrebbe enfatizzato il pathos e lo struggimento, ma Dylan coglie nel tono dell’originale di Frank Sinatra una sfumatura di consolazione, e sceglie di privilegiarla. Così il pezzo si ammanta di una mesta, gracchiante dolcezza che nei cantanti del futuro, macchine da gorgheggio, non troveremo più. Sarà più facile che, dopo aver vinto un talent, ricevano un Nobel.

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.