Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Run The Jewels (feat. Zack De La Rocha): A Report To The Shareholders / Kill Your Masters
Fuck you, I won't do what you tell me
↤ Tracce

La musica dei Run The Jewels sa di militanza, perché le parole sono come proiettili sparate verso l’apatia di una società votata all’autodistruzione. Qui garantisce per loro Zack De La Rocha.

Run The Jewels (feat. Zack De La Rocha)
A Report To The Shareholders / Kill Your Masters

Se il mondo va a pezzi non si può sempre tenere la bocca chiusa. Così la pensano i Run The Jewels, il duo hip hop formato dal produttore El-P e dal rapper Killer Mike giunto al terzo album. Il loro logo, formato da due mani che si fronteggiano nella forma di una pistola puntata contro un pugno chiuso, sa di militanza, perché le parole sono come proiettili sparate verso l’apatia di una società votata all’autodistruzione. Zack De La Rocha, un maestro della “rabbia contro il sistema”, viene arruolato per questo brano che gli restituisce la vocazione alla belligeranza e che ridona al crossover il suo idioma originario. “Fuck you, I won’t do what you tell me” non è passato di moda, ha solo attraversato indenne la secolarizzazione del rap e l’omologazione del nu-metal per ritrovare la sua matrice autentica. «Quando ho iniziato questa band non avevo piani, volevo solo divertirmi e fare un po’ di soldi, poi la verità ha iniziato ad urlare. Voi parlate bene e bombardate gli ospedali. Io sono libero, motherfuckers, sono ostile», canta El-P mentre il gioiello continua a risplendere, e dà voce alla coscienza insita in ciascuno di noi.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

 

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu?
.