HVSR

Cerca
Naviga
Selezioni
Generi
Umani
About
«No, davvero, sto bene, non preoccuparti per me»

Dirty Projectors

Little Bubble

Tira un’aria triste in casa Dirty Projectors. Tira aria di rivoluzione. Dopo Keep Your Name, un addio a una compagna dove piano personale e artistico si confondevano, ecco un pezzo su quando si viveva nella nostra piccola bolla, tu ed io. Dave Longstreth sta mettendo sottosopra i Dirty Projectors: i cori femminili accecanti di un tempo sono spariti, i timbri sono scuri a partire dal suono di tastiera elettrica (Fender Rhodes?) che apre la canzone, la produzione strizza l’occhio alle micro-manipolazioni digitali dell’R&B. Little Bubble vive in una dimensione onirica, è malinconica e meditativa, una riflessione delicata e ambigua sull’isolamento e la perdita. I Dirty Projectors sembrano sempre più il progetto di un uomo solo, in tutti i sensi.

HVSR per posta: