Valerie June: Astral Plane
Occhio che hai una roba fra i capelli
 
← Music discovery

Siamo dei gran cinici, però ci piace sapere che da qualche parte nel mondo c’è qualcuno capace d’incidere canzoni tanto dolci e naif. Come "Astral Plane" di Valerie June.

Valerie June
Astral Plane

Non si capisce se è la voce di una bambina o di una donna. Se è un pezzo pop o folk. Se si parla di autorealizzazione o di un’esperienza esoterica. Si capisce che è un pezzo di Valerie June ed è quindi interessante, quasi per definizione diremmo. Dopo l’ubriacatura di «organic moonshine roots music» di Pushin’ Against a Stone, la cantante venuta su nel Tennessee a dosi massicce di folk e soul cambia rotta, distanziandosi un pochetto dall’amata musica delle radici. Questa l’ha scritta per una collaborazione con i Massive Attack che non s’è mai concretizzata. Ha qualcosa di tenero e cosmico. Ci sono segni da seguire, paure da superare e un ballo da fare nella stratosfera. Siamo dei gran cinici, però ci piace sapere che da qualche parte nel mondo c’è qualcuno capace d’incidere canzoni tanto dolci e naif.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy