Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Cesare Basile: Lijatura
Basile usa l’ipnosi per farvi smettere di ascoltare Mengoni
↤ Tracce

Saremo mica come gli abitanti della Dannata, la città in cui per sortilegio gli offesi sono grati a chi li offende? La risposta è avvolta in un enigma nascosto in un mistero contenuto nel nuovo mantra folk di Cesare Basile.

Cesare Basile
Lijatura

Un testo in dialetto, anzi in lingua siciliana. Un suono arcaico e a suo modo moderno. Una specie di blues mediterraneo dal carattere semplice e ipnotico di certa musica nordafricana, perfetto per musicare una canzone titolata Sortilegio basata sulla ripetizione della parola “pinsata”: «Gli è venuta una bella pensata, ah che pensata, gli è venuta proprio una bella pensata ai padroni». Questo mantra folk annuncia l’album U Fujutu su nesci chi fa? in uscita a fine febbraio. «Questa» ha detto Basile del disco «è la storia della Dannata, la città in cui per sortilegio gli offesi sono grati a chi li offende. La storia della tromba d’aria che viene a distruggerla, la storia che si racconta quando una donna si fa scuro e tempesta per giustizia o per vendetta. La vigilia, la sorte imprevista, i passi di un bastone che ruota nella quiete, il gioco dell’oca della rivolta, il fuoco dello sconfitto deriso e beffato financo dal demonio. È storia narrata agli angoli delle piazze dalla voce consumata di un vecchio cuntista. Ed è la paura, il nostro insoddisfatto bisogno di consolazione».

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.