Cesare Basile: Lijatura - Recensione e video su HVSR.net
Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Basile usa l’ipnosi per farvi smettere di ascoltare Mengoni

Cesare Basile

Lijatura

Un testo in dialetto, anzi in lingua siciliana. Un suono arcaico e a suo modo moderno. Una specie di blues mediterraneo dal carattere semplice e ipnotico di certa musica nordafricana, perfetto per musicare una canzone titolata Sortilegio basata sulla ripetizione della parola “pinsata”: «Gli è venuta una bella pensata, ah che pensata, gli è venuta proprio una bella pensata ai padroni». Questo mantra folk annuncia l’album U Fujutu su nesci chi fa? in uscita a fine febbraio. «Questa» ha detto Basile del disco «è la storia della Dannata, la città in cui per sortilegio gli offesi sono grati a chi li offende. La storia della tromba d’aria che viene a distruggerla, la storia che si racconta quando una donna si fa scuro e tempesta per giustizia o per vendetta. La vigilia, la sorte imprevista, i passi di un bastone che ruota nella quiete, il gioco dell’oca della rivolta, il fuoco dello sconfitto deriso e beffato financo dal demonio. È storia narrata agli angoli delle piazze dalla voce consumata di un vecchio cuntista. Ed è la paura, il nostro insoddisfatto bisogno di consolazione».

HVSR per posta: