Bloodclot: Up In Arms
Quando ti parte l'embolo
 
← Music discovery

Una chiamata alle armi hardcore. John Joseph (Cro-Mags), Nick Oliveri (Kyuss, Queens of the Stone Age), Todd Youth (Murphy's Law, Danzig) e Joey Castillo (QOTSA, Danzig), tutti insieme appassionatamente per denunciare la «violenza del torpore».

Bloodclot
Up In Arms

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Cosa ci fanno insieme il cantante dei Cro-Mags John Joseph con l’ex Queens of the Stone Age e Kyuss Nick Oliveri? Ma hardcore punk di qualità ovviamente. Quel punkabbestia di Oliveri ha sempre citato il combo di New York tra i suoi preferiti, dunque la collaborazione non è tardata ad arrivare. Si aggiungono Todd Youth alla chitarra (ex Murphy’s Law e Danzig) e Joey Castillo alla batteria (ex QOTSA e Danzig) per infiocchettare questo pacchetto famiglia che sputa verità scomode e sempre attuali. «La violenza del torpore crea un movimento di pecore», canta il pastore del gregge, che vanta un’affiliazione con gli Hare Krishna così straight edge che gli dei soli sanno come Nick, noto per gli eccessi rock’n’roll e la devozione per il Lemmy’s lifestyle, possa c’entrarci qualcosa. Vero è che l’hardcore è un bisogno di verità che trova nella attitude il suo fondamento, e se parte l’embolo si smette di subire e si torna a combattere.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy