Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Ab-Soul (feat. Bas): Braille
West Coast rules
↤ Tracce

Venghino, siore e siori, venghino alla gara per decretare il rapper che la spara più grossa. Il contendente del giorno è Ab-Soul: giura che si guadagna di più con il rap che spacciando droga. E in “Braille” dice che i soldi li spende in boxer da 50 dollari l’uno. Contento lui…

Ab-Soul (feat. Bas)
Braille

Herbert Anthony Stevens IV, alias Ab-Soul, è considerato uno dei rapper emergenti della West Coast pur avendo 29 anni ed essendo giunto al quarto album. Amico di Kendrick Lamar, ben rappresenta l’attitudine della sua generazione che ha abbandonato le faide che uccisero i padri (da Tupac a Notorious B.I.G.) e la violenza del gangsta rap per concentrarsi sulla carriera. Braille parla di weed, ma anche di come per avere successo non si insegua più il contratto discografico con una major, ma ci si metta in proprio con l’aiuto della rete e dei follower. «Sono andato in digitale», «sono il negro più figo in circolazione», «questo è cibo per la mente». A differenza dei predecessori, la maggioranza dei nuovi rapper non viene più dal ghetto, ma da famiglie borghesi e lascia le armi per rime sarcastiche contro il music-biz che fanno più danni delle pistole.

Barbara Volpi
Barbara Volpi

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.