Be The Wolf: Blah Blah Blah - Recensione e video su HVSR.net
Cerca
Tracce
Longform
Umani
About
Così bravi che gli si perdona anche la mise da hipster

Be The Wolf

Blah Blah Blah

«Le cose possono prendere un gusto migliore se impari a tenertele per te stesso». In una canzone che si intitola - per l'appunto - Blah Blah Blah il suggerimento esplicito dei Be the Wolf è, insomma, quello di farsi un po' i fatti propri, che il mondo ne potrebbe seriamente beneficiare. Prendiamo il consiglio e portiamo a casa, anche perché la perla di saggezza viene impacchettata in una canzoncina così caruccia, costruita su un arpeggino nervoso di chitarra e un chorus semi-acustico, che non si potrebbe fare diversamente. Be the Wolf: il nome potrebbe essere quello di una formazione black metal norvegese, e invece trattasi di un power trio da qualche parte a metà strada tra i Muse quando non giocano a fare i Queen, e i Backyard Babies. Ah, sono italiani. (Disclaimer: Be the Wolf escono per Scarlet Records, etichetta con cui collabora Angelo Mora, che scrive anche qui su HVSR; so che si dice sempre così, ma in questo caso si tratta davvero di una coincidenza).

HVSR per posta: