God Damn: Sing This
Shampoo e balsamo, per favore
 

God Damn
Sing This

Angelo Mora
Angelo Mora

Come se non bastasse un nome che probabilmente impedirà l’invito a Buckingham Palace, il duo di Wolverhampton pubblica un videoclip intriso di sangue umano e bava canina; le scorciatoie per il successo di massa non sono la specialità dei God Damn. La loro sintesi di più o meno tutto ciò che c’era di buono nel rock duro e alternativo degli anni ’90, tuttavia, è appassionata e convincente. A prescindere dall’estetica, il suono degli inglesi non si presta all’odierna fruizione popolare: troppo sporco, pesante e ruvido (sebbene provvisto di una pregevole vena melodica). Il bello è che al gruppo e alla sua etichetta — la One Little Indian, storica entità indie londinese — sembra importare poco. Trovarsi nel posto sbagliato, al momento sbagliato, e proseguire come se nulla fosse: niente di più rock and roll, nel 2016.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy