PJ Harvey: Guilty
Polly Jean lavora al suo ruolo di sax symbol
 

PJ Harvey
Guilty

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

C’è qualcosa di strano, di difficile da cogliere nel fatto che questa canzone, registrata nel gennaio 2015, sia stata lasciata fuori da The Hope Six Demolition Project, pubblicato due mesi fa, ma venga messa in circolazione adesso. Dice Flood, che l’ha prodotta: «Suonava un po’ estranea al resto dell’album, che senza di lei dava la sensazione di essere più forte come lavoro». Il testo però non è affatto estraneo a un disco molto politico, un viaggio nella devastazione del mondo contemporaneo. Quindi, sarebbe interessante capire se PJ ritiene che i brani dell’album abbiano già esaurito il loro ciclo, la loro forza di commento a quanto succede là fuori, e il 13 luglio (fatalmente, UN giorno prima della strage di Nizza) abbia pensato di dover dire qualcosa di più forte. Peraltro, risulta interessante che un pezzo che sembrerebbe contenere una tale urgenza venga sacrificato alle smanie produttive che ci hanno portato al putrebondo concetto di “album organico”. Suona organico? Non suona organico? Ah, se non suona organico, lo pubblichiamo dopo, tanto da qualche parte ci sono sempre droni e bambini che muoiono.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy