Michael Kiwanuka: Cold Little Heart
Play that psychedelic music, black boy
 

Michael Kiwanuka
Cold Little Heart

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Che un bianco faccia quella che chiamiamo black music è tollerato e a tutti gli effetti apprezzato; che un nero faccia una musica pallida è alto tradimento e suicidio commerciale. Nonostante gli apprezzamenti della critica, l’artista inglese viene venduto come black soul singer, salvo poi vedere solo bianchi ai suoi (non affollatissimi) concerti — così, da qualche tempo si confessa in piena crisi identitaria, un «black man in a white world», come dice nel primo singolo tratto dal suo secondo album Love and Hate. Album che tuttavia si apre, a mo’ di sfida, con un brano che pare composto da Roger Waters e David Gilmour (e pure Richard Wright, via): dieci minuti di ondosità floydiane che mettono in conflitto quello che sentono le orecchie con quello che vedono gli occhi nel video che segue.

Rimani aggiornato: inserisci qui la tua e-mail (zero spam, promesso)

Humans vs Robots è un progetto di HVSR Media, società di diritto caymano finanziata al 90% dal k0llett1v0 Buonisti col Rolex. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy Cookie Policy