Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di Humans vs Robots, ed è riservata (in gran parte) agli (link: https://hvsr.net/membership/join text: abbonati).

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Katatonia: Serein
Qui è quando il fotografo ha detto «E ora sorridete!»

Katatonia
Serein

Dal death/doom violento dei primi lavori al raffinato dark metal degli ultimi, i Katatonia la loro evoluzione l’hanno ormai compiuta — ora si prosegue di cesello. Nessuna novità dirompente, dunque, sull’ultimo The Fall of Hearts, di cui Serein è una buona sintesi: se mai, questo sì, arrangiamenti più strutturati, e tendenze progressive nel solco degli Opeth di Mikael Akerfeldt. Per il resto, solita qualità davvero notevole del songwriting, e solite lyrics ottimistiche e sprizzanti joie de vivre:

In the morning / The battle for endurance has been lost / Sold my worth and dignity the same / I am shade / The essence of corroding time.

(D’altra parte il secondo disco della band, Brave Murder Day, era un concept sul suicidio. Non è che si possa pretendere.)

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.