New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

The National: Morning Dew
Gente con un certo stile

Allora, teoricamente è una canzone di un più ampio tributo di National & amici ai Grateful Dead. In realtà è qualcosa di più e cioè Morning Dew, un classico degli anni della Guerra Fredda, un dialogo fra due sopravvissuti a un olocausto nucleare. I Grateful Dead avevano trasformano il brano folk di Dobbie Dobson in un’allucinazione psichedelica cantata con tono accorato. Oggi i National gli danno spessore emotivo, ne fanno una canzone cupa e minacciosa che trasmette l’angoscia vissuta dai protagonisti, la consapevolezza che nessuno è sopravvissuto e che non è più possibile «camminare nella rugiada del mattino». Nel finale enigmatico è sottintesa una domanda: ha senso sopravvivere in un mondo così? Questa vita è già morte?

The National 

↦ Leggi anche:
Big Red Machine: Hymnostic
The National: You Had Your Soul with You
The National: Hairpin Turns
The National: Never Tear Us Apart
Big Red Machine (feat. Anaïs Mitchell): Latter Days
Matt Berninger: I’m Waiting for the Man

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 2 persone!