Tracce 

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Storie 

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.
The Claypool Lennon Delirium: Bubbles Burst
Comprereste un chillum usato da questi due?
↤ Tracce

The Claypool Lennon Delirium
Bubbles Burst

La favola della settimana sulla fine dell’innocenza la raccontano Sean Lennon e Les Claypool e prende spunto dalla storia di Bubbles, lo scimpanzé nato in un laboratorio del Texas e adottato da Michael Jackson. I due sembrano intenzionati a farci tornare indietro nel tempo: il testo dice 1983, la musica urla 1967, quando non esistevano confini fra prog e psichedelia — non c’erano neanche quei generi come li avremmo codificati poi, ma il concetto l’avete capito. Quando Lennon fa i coretti ricorda papà, ma dentro c’è anche un po’ dell’innocenza freak di Syd Barrett. La canzone parte di un album che si chiude con una canzone intitolata «Nello spazio non c’è biancheria intima». Come diceva il professor Fontecedro: cosmico!

The Claypool Lennon Delirium Sean Lennon Les Claypool Primus Beatles 

↦ Leggi anche:
Primus: The Seven
Paul McCartney: I don’t know
Primus: Conspiranoia
The Backseat Lovers: Growing / Dying
Ritorno ad Abbey Road
A proposito del 1970
Phil Spector, oltre il muro del suono