New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Sfondare porte aperte con i Deep Purple, limonare con Chiello, suonare il sax con i Deadletter

Settimana 23 – con Deep Purple, Deadletter, Evercloud, Julie Meletta, Porches, Yaya Bey, Chiello, Mother Vulture, Sun Cousto, Visions of Atlantis.

Ormai solo occhiali da sole, graduati.

C’è chi dice che il rock è roba da giovani, e i bristoliani Mother Vulture son qui a dimostrarlo, ma non ditelo a Ian Gillan e soci, 75 anni in media e ancora sulla breccia senza sfigurare. C’è chi dice che il punk si fa con le chitarre e le svizzere Sun Cousto vi darebbero ragione, ma non ditelo ai Deadletter, che – memori degli insegnamenti di gente come Talking Heads e Pop Group – ci mettono il sassofono e sentite come suona. E l’indie-rock? Quello si fa come ti gira al momento, parola di Aaron Maine, uno che al momento gli girava un po’ alla Pixies, e allora prendetevi il nuovo singolo dei suoi Porches.

Ma c’è anche del metal, questa settimana tutto a voce femminile: da un lato il doom etereo dei messicani Evercloud, guidati da Lieth Rosen Rott, dall’altro il metallo sinfonico declinato nella sua versione festaiola dei Visions of Atlantis.

Per il resto, Julie Meletta parla d’amore in salsa pop, il nostro Chiello il cuore se lo spreme come un limone a colpi di rap melodico, mentre Yaya Bey declina soul e R&B nel linguaggio di Tricky e Martina Topley-Bird.

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!