New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

L'amore frettoloso di Morgan contro quei figli di buona donna di Massimo Pericolo, Speranza e Barracano

Settimana 46 – con Morgan, Extortionist, Florence Black, Miss Chain & the Broken Heels, Queensrÿche, Therion, Porno for Pyros, No Name Faces, Spiritual Poison, Massimo Pericolo, Rafilù & Speranza.

Dov’è Bugo?

Marco Castoldi ci riprova a far sì che per una volta il suo Dr. Jekyll artistico abbia la meglio sul Mr. Hyde pubblico: provate a dargli una chance senza essere prevenuti, parola di Pasquale Panella. Non permettetevi invece di contraddire quei bravi ragazzi di Massimo Pericolo, Speranza e Barracano (che ora si fa chiamare Rafilù), perché scatta subito la rissa e tra cocaina, GIP, hashish, sesso promiscuo e altre amenità finisce che sono cazzi amari.

Se è roba troppo pesante, per voi, provate l’Ayahuasca dei Therion, un decotto lisergico che mette in contatto con gli spiriti (del rock sinfonico, nello specifico), o se proprio siete straight-edge, con l’Agua dei redivivi Porno for Pyros di Perry Farrell. Attenzione a Ethan McCarthy, però: una proposta plumbea e avvolgente come la sua meglio ingerirla in maniera controllata.

Dopo questa abbondanti sorsate, troviamo dunque nei fondi del bicchiere mezzo pieno quel che resta dei Queensrÿche che, anche con soli due quinti della formazione storica, rimangono su livelli di tutto rispetto, l’indie rock nostrano in precario equilibrio sui tacchi sbilenchi di Miss Chain & the Broken Heels, e gli Extortionist, che provano ad aprire il loro deathcore martellone con spiragli di melodia.

Per finire, un po’ di alternative pestato bene: i No Name Faces raccontano la battaglia tra due estremi emotivi e i Florence Black, in arrivo dal Galles con andatura algida e perigliosa, a cavallo tra goth e progressive.

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 1 persone!