New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

Courtney Barnett senza parole, Kirstin Hersh sola con la sua chitarra, Kovacs insieme a Lindemann

Settimana 29 – con Courtney Barnett, Osees, Instant Lake, Killer Mike, Vandal Moon, Peter Kernel, Slow Pulp, Brad, Kirstin Hersh, Kovacs & Till Lindemann.

Le pareti dell’indie odierno non possono reggersi da sole

A un certo punto della sua carriera, qualcuno prendeva in giro Courtney Barnett per il suo essere eccessivamente logorroica nei testi e nei titoli dei suoi album. Chissà cosa direbbero oggi, di fronte a una colonna sonora, interamente strumentale. Forse sottolineerebbero che il film è comunque tutto incentrato su se stessa, ma tant’è. Un lungometraggio, appunto, servirebbe proprio per raccontare la carriera di Kristin Hersh, prima con le Throwing Muses e poi in solitaria, tra molti alti (aggiungere alla lista questo ultimo singolo, please) e rarissimi, fisiologici bassi. Molto sofferta, invece, l’uscita della clip che avrebbe dovuto accompagnare la title track del disco di Sharon Kovacs, ma sai com’è: c’era di mezzo Till Lindemann e il ragazzone recentemente ha combinato un bel casino.

Parlando di release ritardate, menzione d’obbligo poi per i Brad di Stone Gossard. Cosa è successo? Pezzi già pronti nel 2019, poi la morte improvvisa di Shawn Smith e a seguire una pandemia mondiale. Giustificati.

Uno che invece non sembra avere alcun problema a pubblicare roba (anzi, l’esatto contrario) è John Dwyer. La sua band ora si chiama Osees e fa anarco-punk. Ma già tra dieci minuti tutto potrebbe cambiare. Sia il nome, che il genere. E nel frattempo anche la lista della discografia della band essersi allungata, s’intende.

Il resto è coldwave parecchio spruzzata di dark-electro (vedi alla voce Instant Lake e Vandal Moon), hip hop di qualità eccelsa (Killer Mike che se la spassa con Mozzy e Lena Byrd Miles), shoegaze estivo che sfiora l’indie pop (Slow Pulp) e quel qualcosa di indefinibile che unisce Lugano al Canada attraverso una lunga fila di batteristi dietro il nome di Peter Kernel.

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!