New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

La preghiera rubata dei King Hannah, l'incerto domani dei Rancid, i coglioni tradotti di Bugo

Settimana 23 – con Alchem, Arkona, Rancid, Buckcherry, Sam Burton, Mandy Indiana, Scar Symmetry, Cory Hanson, King Hannah, New Candys & Bugo.

Le sedie erano finite

Hannah Merrick, come atteggiamento, è quanto di più diverso si possa immaginare dalla venerata (e ormai veneranda) Miss Louise Veronica Ciccone, eppure riesce a capovolgere Like a Prayer in una liturgia trip hop che giù il cappello proprio. Più paraculi i New Candys invece, che del Bugo di vent’anni fa mantengono lo stile, ma provano a tradurne le parole nella lingua d’Albione. Il risultato? Niente male.

Sempre fedeli a se stessi, i Rancid, e a quell’idea cristallizzata di canzone punk spaccavetrine, indipendentemente dal fatto che di anni tu ne abbia sedici o quasi sessanta, come il buon Tim Armstrong. Lo stesso – ma in senso diverso – si può dire di Cory Hanson che, alla faccia delle influenze importanti (vedi alla voce Bill Callahan, Will Oldham e, ovviamente, Neil Young), anche da solista non teme confronti, e di Sam Burton, tenue e delicato come un novello Tim Buckley. Confronti che non temono a prescindere i Mandy, Indiana, originali per natura, a partire dalla voce di Valentine Caulfield, che mischia un industrial-noise cantato in francese, per l’ennesima (purtroppo necessaria) invettiva contro il patriarcato.

Il resto è metal in tutte le salse: il brutal-death che fa battere il cuore degli Scar Symmetry, il paganesimo sovietico degli Arkona, il progessive ben bilanciato degli Alchem e – perché no? 2023 is the new 1991, alla fine – l’onesto sleazy rock dei Buckcherry.

Siamo su Substack! Iscriviti per ricevere la newsletter e sapere quando pubblichiamo nuovi contenuti!