New Music

Una volta alla settimana compiliamo una playlist di tracce che (secondo noi) vale davvero la pena sentire, scelte tra tutte le novità in uscita.

Tracce

... Tutte le tracce che abbiamo recensito dal 2016 ad oggi. Buon ascolto.

Storie

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c’è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Queste sono le storie di HVSR.

Autori

Chi siamo

Cerca...

I Chemical Brothers tornano a farci ballare, gli Sparks (non) piangono sul latte versato, Kali Uchis crea subito dipendenza

Settimana 13 – con Sparks, Ice Age, feeble little horse, The Chemical Brothers, Kali Uchis, Kreator & Lamb of God, Vipra, Opus Kink, Sick Tamburo, Marlene Ribeiro.

Electro-banditi della notte, unitevi!

Non se ne esce: come Ed Simons e Tom Rowlands tornano a toccare la consolle, si crea una bolla sonora ormai fuori dallo spazio e dal tempo dentro la quale puoi solo muovere il culo e ritrovarti, senza nemmeno rendertene conto, con un sorriso ebete sulla faccia. Mica come quella ragazzina che da Starbucks frigna sul suo caffellatte ancor prima di versarlo, dando così a Russell e Ron Mael l’ennesimo motivo per prendersi amaramente gioco dell’uomo moderno: tenero, buffo, fallibile, stupido fino all’eccesso e soprattutto mortale.

Perché sì, la gente muore, come ci ricordano delicatamente i Sick Tamburo, per la prima volta senza Elisabetta Imelio, ma per una volta insieme a Roberta dei Verdena. Oppure la fanno morire, la gente, come denuncia Vipra insieme al fantasma di Mia Martini, in un pezzo che – possiamo sbilanciarci – non avrà la fortuna commerciale e la visibilità che meriterebbe.

E allora le reazioni possibili sono due. O prenderlo a bombe in faccia, questo mondo infame (chiedere alla combo Kreator & Lamb of God o al nerboruto metal progressivo degli Ice Age), o scioglierlo nella dolcezza (quella soul, sexy e made in Colombia di Kali Uchis o quella profumata di fado portoghese di Marlene Ribeiro – a voi la scelta, ma perché non entrambe?).

Per tutto il resto, come sempre, c’è l’indie rock: sa di lo fi vagabondo se viene dalla stanza dei feeble little horse, di potpourri sperimentale, caldamente consigliato da Robert Smith, se lo suonano gli Opus Kink.

Vuoi continuare a leggere? Iscriviti, è gratis!

Vogliamo costruire una comunità di lettori appassionati di musica, e l’email è un buon mezzo per tenerci in contatto. Non ti preoccupare: non ne abuseremo nè la cederemo a terzi.

Nelle ultime 24 ore si sono iscritte 1 persone!