Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Jennifer Gentle: Take My Hand
Acidi a metà

Jennifer Gentle
Take My Hand

I Jennifer Gentle da Padova, insieme agli His Electro Blue Voice da Como, compongono la quota italiana del catalogo Sub Pop, anche se, a tutt’oggi, entrambe le band incidono per altre label.

Già con la sua precedente formazione, Marco Fasolo, leader e fondatore dei Jennifer Gentle, aveva spedito demo al terzo piano del Terminal Sales Building, senza grandi aspettative. Per lui, la Sub Pop non era solo l’etichetta dei Nirvana. Era quella che aveva pubblicato un 45 giri dei Beach Boys.

Di tutte le case discografiche che aveva contattato, la Sub Pop era l’unica ad aver risposto. Con una bella lettera di rifiuto.

Pochi anni dopo, in un negozio di dischi, uno degli A&R Sub Pop aveva sentito per caso un album dei Jennifer Gentle pubblicato da un’etichetta australiana. E se ne era innamorato. “Psichedelia italiana di pregio”, gli aveva detto il gestore del locale, anticipando ogni sua domanda.

Quindi era arrivato un contratto, seguito da Valende del 2005.

Poi, due anni dopo, sarebbe arrivato The Midnight Room; un album, questo, che Fasolo, rimasto ormai il principale titolare del gruppo, aveva composto interamente da solo a Caverzere, in una vecchia scuola degli anni ‘30 che fu anche ospedale da campo.

Elemento non trascurabile: sono la band italiana preferita da Mark Arm.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.