Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Dinosaur Jr.: The Wagon
Just J

Dinosaur Jr.
The Wagon

I Dinosaur Jr. rappresentano un caso frequente in Sub Pop: essere di casa, senza aver necessariamente pubblicato dischi. O meglio, esser di casa avendo pubblicato dischi per altri.

J Mascis conobbe Megan Jasper, futura centralinista, nonché futura General Manager e CEO dell’etichetta, all’Università del Massachussets, ad Amherst. La prima volta che lei lo incontrò, lo definì un “train wreck” (un incidente ferroviario, cioè un disastro di persona). Poi, a un certo punto, Megan aveva deciso di seguire la band in tour, vendendo il loro merch ai baracchini. Sua sorella, Maura Jasper, lavorava come loro art director e aveva disegnato per loro alcune copertine – tra cui quella di The Wagon.

A questo punto, i Dinosaur Jr., che avevano già ottenuto una buona manciata di consensi, erano già una band traballante, alle prese con varie defezioni. In primis quella del bassista originale, Lou Barlow, che concluse il suo rapporto a male parole (e che andò poi a formare i Sebadoh).

Questo non impedì loro di firmare con la Blanco Y Negro/Sire Records nel 1990, etichetta per cui uscì il loro quarto album Green Mind. The Wagon fu remixato e uscì come singolo per la medesima casa discografica.

Il legame tra la Sub Pop e J Mascis non si è mai sciolto, tant’è vero che l’etichetta pubblica ora i suoi album solisti; soprattutto, si manifesta con interviste segnanti tipo questa.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.