Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Cosmo: Le Voci

Cosmo
Le Voci

Il 2016 è stato l’anno in cui il pop, che stava già stravincendo, ha fatto il Grande Slam. Mentre i rocker non riuscivano a fare molto più che morire (che comunque, rimane un atto coraggioso. Fatelo voi, se pensate che non ci voglia niente), il pop si è preso tutto, dalle classifiche a Pitchfork, dalla comunicazione ai sentimenti, da Facebook alla Casa Bianca. Persino la nostalgia del rock ha preso connotazioni pop, da Vinyl e Sing Street alle ormai perenni celebrazioni del punk. E il pop si è preso persino quella che in Italia chiamavamo canzone d’autore. Non è qualcosa che è iniziato quest’anno, è ovvio – ma mai come nel 2016 lo si è visto, con l’approvazione delle élite indie. Così, in modalità diverse, Calcutta, Thegiornalisti, Motta, Cosmo hanno forse avuto la fortuna di raccogliere ciò che altri avevano iniziato a seminare. Cosmo in particolare, ha l’aria di quello che non ha paura di andare a sbattere, e apre questo brano con la confessione più contemporanea e pop dell’anno: «Sento le voci, sì mi sento chiamare dalle mie fantasie, dal profondo del mare, dalla tv, dalle porcherie, dal silenzio dei sogni inconfessabili». E dopo un momento di panico, decide che naufragar gli è dolce «nella palude del nazionalpopolare». Like, cuoricini, condivisioni. Appunto.

↦ Leggi anche:
Cosmo: Sei La Mia Città
Vasco Brondi: Ci abbracciamo
Cosmo: Turbo/Attraverso Lo Specchio

Paolo Madeddu
Paolo Madeddu

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.