Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

The Pogues: Rainy Night in Soho
Some of them fell into Heaven, some of them fell into Hell
↤ Tracce

Romanticismo alcolico di purissima razza irlandese.

The Pogues
Rainy Night in Soho

Il dilemma ricorrente, di fronte alle canzoni più apertamente romantiche dei Pogues, è se siano effettivamente rivolte a una donna o piuttosto a un booze, cioè uno spirito (nel senso di bevanda parecchio alcolica). È il caso di una delle più celebrate e strappabudella, ambientata in una notte piovosa a Londra – cioè una qualsiasi – e nel quartiere di Mr. Hyde, dei teatri e dei club, nonché quello che di solito viene nominato nei vecchi noir quando viene uccisa una prostituta.

Tre accordi fissi e l’andamento annoiatamente malinconico, su cui spiccano i temi del tin whistle e dell’orchestra, fanno da contraltare a una serie di visioni ricche, gonfie come spugne di vita vissuta. In realtà, l’unico modo per scriverne sarebbe copiare tutto il testo parola per parola. L’amarezza, l’abbandono, il dividersi delle strade, il lasciarsi andare al flusso della vita che a volte somiglia a una tempesta e altre sembra pura bonaccia, la poesia cruda delle azioni, dei gesti e delle pure immagini: è tutto reso e imprigionato nei versi talmente bene che viene da piangere.

E poi quella chiusura meravigliosa, pronta e impacchettata per entrarti nel cuore: «Now this song is nearly over / We may never find out what it means / Still there’s a light I hold before me / You’re the measure of my dreams / The measure of my dreams».

↦ Leggi anche:
Cat Power: A Pair of Brown Eyes
The Pogues: The Sick Bed of Cuchulainn
The Pogues: A Pair of Brown Eyes
Liam Clancy: The Broad Majestic Shannon
The Pogues (feat. Kirsty MacColl): Fairytale of New York
The Pogues: Streams of Whiskey
The Pogues: If I Should Fall from Grace with God
The Pogues: The Old Main Drag
The Pogues: Lullaby of London
The Pogues: Boys from the County Hell

Un poeta inglese dell’Ottocento la definirebbe pure bliss, o userebbe qualche altra espressione del genere. Shane MacGowan, a sentirlo, ci si farebbe su una birra (e poi un’altra, in trenta secondi netti).

Fabio Mancini
Fabio Mancini

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.