Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Benjamin Gibbard: Teardrop Windows
Lui sa cos’è accaduto a Seattle nel 1962

Benjamin Gibbard
Teardrop Windows

C’è chi rimpiange lo spirito modesto della vecchia Seattle, la città «dove la gente coltivava la testa e l’anima, dove rifiutava l’idea di mobilità sociale tipicamente americana e la ricerca di status a favore di una vita fra persone solidali e non competitive, dove i residenti condividevano l’idea che il valore di una persona non lo si misura in base a quel che ha fatto, a quel che possiede, veste o guida, ma in base a quel che è». Knute Berger afferma che «un tempo consideravamo l’isolamento alla stregua di una risorsa: Seattle era un posto dove potevi sentire il rumore dei tuoi pensieri e dove ti potevi godere l’aria pulita, l’acqua, il verde. Ora, grazie alla rivoluzione informatica spinta dalla Microsoft, subiamo la pressione della competizione e degli influssi provenienti da fuori. La globalizzazione, il “libero” commercio e la comunicazione istantanea producono un’ulteriore spinta verso il conformismo alle norme globali. Seattle sta perdendo il proprio senso di unicità geografica». È il rimpianto per la vecchia Seattle, quando l’edificio più importante in città era la Smith Tower, 42 piani per 150 metri d’altezza, per molti anni l’edificio più alto a ovest di Chicago. In una canzone intitolata Teardrop Windows, Ben Gibbard dei Death Cab for Cutie ha usato la Smith Tower come metafora della tendenza dell’uomo a dimenticare ciò che di bello ha avuto un tempo, una specie di ritorno all’idea romantica di Lesser Seattle.

↦ Leggi anche:
Benjamin Gibbard: Life in Quarantine

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

E se ti abbonassi?
Pensiamo che un altro giornalismo musicale, non basato esclusivamente su news copia-e-incolla e comunicati stampa travestiti da articoli, sia possibile. Noi, almeno, ci proviamo. Per questo in molti hanno scelto di sostenerci: perchè non lo fai anche tu? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.