Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Tom Petty: Zombie Zoo
Grazie a te, Tom! (ci manchi già)

Tom Petty
Zombie Zoo

Tranquilli, è una metafora. Non ci sono zombi veri, qua dentro. I morti viventi sono ragazzini e ragazzine dall’intensa vita notturna, quelli che spariscono all’alba e ricompaiono dopo il tramonto, mezzi vivi e mezzi morti, più vampiri che zombi, comunque pronti per un’altra notte di dissipazione.

È il 1989 e apparentemente lo zio Tom fa la paternale ai ragazzi della Generazione X, getta il suo sguardo protettivo verso una gioventù che si butta via, con una ragazzina che si rade la testa (that was before Britney) e che finisce per rassomigliare, così canta Petty, all’attore Boris Karloff, quello del Frankenstein di James Whale.

E invece, niente morale: la canzone è leggera e volutamente stupidotta. Lo Zombie Zoo era un locale di Los Angeles. Il pezzo nacque da una conversazione fra Petty e un musicista che ci era stato. «Ho scritto la canzone mettendomi nei panni di un Jed Clampett [il campagnolo dei Beverly Hillbillies] che va allo Zombie Zoo. Non era una critica seria. Era un pezzo comico».

E difatti, la musica scritta con Jeff Lynne è allegramente rétro e piazzata in fondo a uno degli album migliori del musicista floridiano, Full Moon Fever. I cori li fece tale Roy Orbison. Da vivo, s’intende.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.