Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Mortician: Zombie Apocalypse
America the brutal

Mortician
Zombie Apocalypse

I Mortician erano (sono) un gruppo brutal death metal americano ossessionato dal cinema horror. Ovvio che, più prima che poi, i morti viventi e George Romero sarebbero rientrati nella loro efferata poetica. Il campionamento che apre Zombie Apocalypse proviene da Zombi, infatti. Come dire: fin qui tutto normale, un po’ come la loro presenza nella colonna sonora del disturbante Gummo.

I Mortician sono passati alla storia del metal – o meglio, al suo folclore – per un altro motivo, tuttavia. Durante un tour europeo del 2005, in Polonia, a un certo punto il cantante e bassista Will Rahmer decise di non esibirsi più: voleva tornare a casa sua, a tutti costi.

Prese un taxi, chiedendo di farsi portare all’aeroporto di Berlino (non distintissimo dalla città di Zielona Góra, sede del concerto in programma quella sera). Qualcosa non funzionò nella trattativa con l’autista, si presume, visto che poi Rahmer lo minacciò con un piccolo coltello e rubò la macchina, dirigendosi da solo verso il confine tedesco. Dove fu puntualmente arrestato dai poliziotti polacchi…

La vera carriera dei Mortician terminò lì. A oggi rimane un mistero che cosa passasse nella testa di Will, quel giorno. Una trama oscura, degna di qualche cupo b-movie ambientato nell’Est Europa. O forse, più semplicemente, un cocktail letale di ignoranza, delirio, alcol e droghe.

Angelo Mora
Angelo Mora

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.