Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Cranberries: Zombie
È un vero peccato

Cranberries
Zombie

Zombie dei Cranberries è una canzone seria.

È un manifesto.

È stata scritta da Dolores O’Riordan all’alba di un evento tragico: i bombardamenti da parte dell’IRA a Warrington, Inghilterra, il 20 Marzo 1993, in cui due bambini persero la vita. Gli “zombi” sono loro, incubi ricorrenti nella testa di chi li portò via.

È un vero peccato.

Parte del videoclip fu girata a Belfast, pochi giorni prima del cessate-il-fuoco, dopo venticinque anni di conflitto. Ci sono soldati veri, bambini veri, strade di Belfast vere. È diretto da Samuel Bayer (già regista di Smells Like Teen Spirit dei Nirvana) che rischiò pure la pelle, nell’occasione.

È un vero peccato.

No, dico, è un vero peccato che questo pezzo abbia così prepotentemente, inesorabilmente, inequivocabilmente trapanato gli zebedei. E non da oggi: da allora. Dal 1994. Ci vorrebbe una regolamentazione dell’airplay radiofonico e televisivo che impedisca a brani così, nati con ottimi propositi, per giunta ben costruiti, di raggiungere un tale grado di saturazione.

Perché è veramente ingiusto che, fin dal suo incipit, la reazione più prossima che provoca questa canzone sia l’immediato ribaltamento della regione occipitale. Non esiste che la voce spezzettata e singhiozzante di O’Riordan – anziché essere interpretata per quel che è, cioè un mezzo di autentico lamento – faccia venir voglia di dar craniate al muro portante del pub, per poi barricarcisi dentro, come antidoto alla noia.

«Non sapevo che questa canzone sarebbe diventata un successo», dichiarò lei stessa, allora, preso atto della risonanza planetaria di Zombie. Dolores, cara: neanche noi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Un grazie a chi ci sostiene!
Humans vs Robots parla di musica dal 2016, e cerca di farlo bene. E lo possiamo fare grazie a chi ci sostiene abbonandosi, e garantendo che articoli come questo possano essere letti da tutti.
Basta davvero poco: perchè non ti abboni?
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.