Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Dag Nasty: What Now
Minor Threat 2: la vendetta
↤ Tracce

L’emo prima del declino.

Dag Nasty
What Now

Mentre il resto della sua scena locale si muoveva in diverse direzioni musicali, il chitarrista dei Minor Threat, Brian Baker, credeva fortemente che la gente volesse ancora qualcosa che mantenesse il suono veloce e potente per cui l’area di D.C. era conosciuta non molto tempo prima. Detto fatto. E così, nel 1985, ecco i Dag Nasty.

Can I Say è l’album-gioellino di debutto per Dischord, ricco di veri e propri anthems che poi verranno presi e portati a casa dai nomi più importanti dell’emo, genere (o forse semplice tag) pian piano liquefatto in povere emu-lazioni senza vita. Se nel primo lato del disco è forse Circles a brillare maggiormente, What Now è la convincente apertura del lato B, direttamente rivolta al silly boy che è in ognuno di noi.

↦ Leggi anche:
Dag Nasty: Wanting Nothing

Utilizzando le striature hardcore immediate e veloci della sua band precedente senza presentarle come uno spettacolo di revival, Baker riesce a modernizzare il tutto rendendolo perfettamente in linea con l’ideologia (e il sound) dell’etichetta. Registrato con il secondo cantante del gruppo Dave Smalley – che in precedenza faceva parte della corpulenta scena della Boston hardcore con i DYSCan I Say suona come se i Minor Threat potessero funzionare anche senza la voce di MacKaye.

Riff d’apertura diretto e pattern punk di basso e batteria quasi danzereccio, chorus memorabile e due minuti di durata. Niente eccessi, niente trasformazioni, eppure era tutta lì l’essenza del punk autentico. What Now? E ora? Non è che ci fosse molto da dire. L’unica cosa era accettare che la vita andava avanti. Bastava solo capire come farla suonare.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.