Tracce

Ogni giorno ti consigliamo un brano che vale davvero la pena sentire, tra tutte le novità in uscita. E siccome siamo on line dal 2016, puoi immaginare quanti ne abbiamo da suggerirti. Esplorare le playlist è un buon modo per ascoltarli tutti...

Lunghi

A volte è necessario approfondire. Per capire da dove arriva la musica di oggi, e ipotizzare dove andrà. Per scoprire classici lasciati indietro, per vedere cosa c'è dietro fenomeni popolarissimi o che nessuno ha mai calcolato più di tanto. Questa è la sezione longform di HVSR.

Extended Play

C'è spazio per un altro giornalismo musicale, che non si alimenti solo di comunicati stampa camuffati da news, di interviste copia-e-incolla e di altri argomenti di nessuna rilevanza? Ci proviamo.

Stephen Malkmus: ACC Kirtan
L'uomo che non deve chiedere mai
↤ Tracce

L’icona slacker per eccellenza, un po’ di indie-indiano e altre storie.

Stephen Malkmus
ACC Kirtan

Raga introduttivo per il nuovo album intimista di una delle icone indie fondamentali come Stephen Malkmus, AKK Kirtan è messa lì all’inizio per farti esaltare subito. Fresca, genuina, beatlesian – un inizio del genere, per il nuovo Traditional Tecniques, è già un immenso punto a favore della la carriera solista del leader dei Pavement.

«Ho una 12 corde che ho comprato a Portland per circa 700 dollari. Quando ho cercato di ridarla indietro al negozio, mi hanno detto: “è deformata, ti possiamo dare al massimo 200 o 300 dollari”. Allora gli ho risposto: “Che mancanza di rispetto! Vi farò vedere cosa può fare questa chitarra!”».

↦ Leggi anche:
Stephen Malkmus: Viktor Borgia
I Silver Jews tra imperfezione ed eterno ritardo

E così lato psichedelico, folk e meditabondo del songwriter californiano (poi di stanza a Portland) si è tinto anche di slide-guitar, tablas, tamburi e sitar, rievocando una sensazione etnica che si sposa perfettamente con i suoni cui Malkmus ci aveva già abituati. Meno male che quella chitarra non l’ha restituita, insomma.

Poi è vero che il resto del disco torna a battere sui medesimi toni consueti, ma l’arricchimento timbrico e di colore che l’opener dona all’ultimo lavoro è comunque essenziale per apprezzarne la novità. AKK Kirtan è un po’ un indie-indiano, quasi simpaticamente coinvolgente e ricco di divagazioni che si sposano perfettamente con l’attitudine del DIY da sempre marchio di fabbrica del Nostro e con le altre ballad di ben più canonica assimilazione.

Tre album pubblicati nel giro di due anni e una ritrovata prolificità che lascia ben sperare, soprattutto quando eclettismo e intensità riescono a darci risultati come questo. Silver Jews, Pavement, The Jicks e via ancora verso altri lidi.

Se ti è piaciuta questa traccia, questa recensione o entrambe, perchè non condividere sui social?

Questa traccia è anche presente nelle seguenti playlist:

Scrivere di musica non è facile.
Noi cerchiamo di farla mettendoci passione, ma anche competenza, cura, professionalità. Tutte cose che costano impegno… e soldi. Se apprezzi il nostro lavoro quotidiano perchè non ci sostieni diventando un abbonato? Basta davvero poco!
.
Home
Ogni giorno una traccia che vale davvero la pena sentire
Success
La sezione longform di HvsR
Un altro sguardo sulla musica, con un aggancio all'attualità.